Gianni Savelli

Press & News

All About Jazz 2009 (N.Pollastri)

Membro dell’Orchestra Jazz del Parco della Musica, il sassofonista e flautista Gianni Savelli è da alcuni anni anche leader del quintetto “aperto” Media Res, giunto qui al secondo lavoro. Si tratta di un gruppo classico fin dall’organico, tuttavia ispirato da uno spirito lirico-narrativo e influenzato dalla tradizione classica europea, senza dimenticare però le lezioni del jazz d’oltreoceano.

La cifra del gruppo è quella di un jazz moderno robustamente strutturato, che unisce passaggi da ballad con momenti cameristici (esemplare la cangiante “The Chair at the Corner”), atmosfere davisiane (“Que la fête commence,” dove è evidente l’influenza di Shorter sul Savelli sopranista, ma anche il timbro della tromba sordinata di Bassi ricorda Miles) e originali strutture narrative (“Fog Dance,” a lungo sostenuta dal basso ostinato di Pirozzi).

Interessante il lavoro dei musicisti, con un eccellente Pierpaolo Principato, capace al pianoforte di offrire momenti impressionistici accanto a brevi improvvisazioni rarefatte, e un Savelli assai eclettico: shorteriano al soprano, classico al flauto (“Desejo,” parti di “Semplice” e della title track), capace al tenore di esprimersi con corpo nelle atmosfere più fumose e con forte tensione in quelle viceversa più dinamiche. Un buon disco, multiforme, che ha forse proprio nella traccia conclusiva – una “Sevdah” dalle tensioni a tratti quasi chicagoane, poi sciolte in un lungo e classico assolo della tromba di Bassi – il suo momento culminante.

Neri Pollastri

articolo